Personal sniper

5 cose che dovete rimuovere dalla vostra casa ASAP

«Se siete sicuri che qualcosa vi fa battere il cuore, conservatelo, senza curarvi di ciò che dicono gli altri. Anche se è imperfetto e banale, quando lo usate con amore e rispetto lo trasformate in un oggetto dal valore incalcolabile. A forza di scegliere cosa tenere e cosa scartare, aumentate la vostra sensibilità alla gioia».
Marie “KonMari” Kondo

Comprarvi tutti i libri di Marie Kondo  non è l’unico modo per sconfiggere il caos. Per quanto utili i suoi principi se non avete tempo per l’intera trasformazione non rattristatevi, potete iniziare a lavorare su questi cinque elementi che causano disordine e sbarazzandovi di loro, già la vostra casa si sentirà molto più pulita. (Inoltre, eviterete alcuni germi e sostanze nocive.)

Dite addio a:

Scatole graziose

È difficile resistere al fascino di una bella scatola. E gli organizzatori professionisti spesso ne traggono vantaggio per le opzioni di archiviazione e “imboscagli” tattici.
Ma a meno che non le stiate usando per immagazzinare letteralmente qualcosa di stabilito, tenerle contribuisce solo a creare più confusione in giro.

La tua spugna spugnosa

Se la vostra spugna dei piatti ha più di quattro settimane? Gettatela! Le spugne sono pozzi neri di batteri e germi. (Per non parlare delle fatto che le spugne sporche no sono affatto chic sul vostro piano di lavoro.)

La pila di vecchia posta

Se siete come me, avete una pila crescente di lettere non aperte e depliant su almeno una superficie della tua casa (o nel temibile primo cassetto della cucina). Mettete cinque minuti da parte per passare in rassegna la vostra “montagnetta” e buttate o riciclate tutto ciò che non vi serve (che è la maggior parte di essa).

Riviste che hanno invaso il vostro tavolino di caffè

Vi ricordate il tavolino da caffè con cui aggiungere un tocco elegante alla vostra dimora? (https://www.lifestylecoachblog.com/2018/03/30/come-dare-alla-vostra-casa-un-tocco-elegante/) bravi! ma non potete permettervi che diventi la “discarica” delle riviste non lette & Co. Non rileggerete mai quel numero di Vogue France che avete comprato in aeroporto nel marzo 2003. Fattevene una ragione!

Ricevute del ristorante

A meno che non siano deducibili dalle tasse, non è necessario stabilire un rapporto sentimentale con la ricevuta del Mexicali e spero che il memento della vostra passeggiata in centro sia molto di più che la ricevuta di California Bakery. (Inoltre, le ricevute contengono BPA, una sostanza chimica che distrugge il sistema endocrino che può essere assorbita attraverso la pelle.)

Besitos

Leave a Reply